BONACCINI SVELA LA GESTAPO CHE C’È IN LUI (VIDEO)

PD GEHEIME STAATSPOLIZEI

Un tempo nella Germania nazista la chiamavano “Geheime Staatspolizei”, poi comunemente abbreviata in quel nome “Gestapo” che metteva terrore nella popolazione. Era la polizia segreta che indagava e ricercava casa per casa chiunque fosse contrario alle idee del partito nazista. Le accuse mosse dalla “Gestapo” erano per lo più indiziarie, il più delle volte partivano da segnalazioni dì “cittadini nei confronti di altri concittadini”, senza alcun fondamento di verità, ma utili al prelevamento di soggetti scomodi al partito nazista perché ritenuti potenziali collaborazionisti dei comunisti o degli ebrei.

“Andavano a stanarli casa per casa”

…questa era l’esatta metodica utilizzata per prelevare soggetti con la scusa di essere interrogati.
Soggetti che venivano allontanati dalle loro famiglie alle quali non facevano quasi mai ritorno.

A quei tempi la scusa era il collaborazionismo, oggi la scusa è il coronavirus. Le parole, nell’ideologia totalitarista, come vedete, non cambiano nemmeno a distanza di 100 anni.

Bravo Bonaccini il Nazigovernatore PD dell’Emilia Romagna che svela la propria indole usando gli stessi toni e gli stessi metodi della Germania nazista.

ASCOLTATE LE SUE PAROLE NE VIDEO:

…eh poveri emiliani romagnoli. Questo accade ad aver scelto di votare ancora quella sinistra che nel frattempo è diventata qualcosa di molto peggio del comunismo stesso.

Ma alla fine come dice il detto: ‘chi é causa del suo male pianga se stesso!”

Italia Moli

IoSonoItalia🇮🇹

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...