PIAZZA GIORGIO ALMIRANTE: IL 16 MARZO LA SUA INAUGURAZIONE.

Finalmente il vento sta cambiando e il buonsenso, grazie alla Lega di Salvini, sta attecchendo in ogni luogo della nostra amata Italia. Era tanto che la si aspettava una Piazza dedicata ad uno dei più grandi politici della storia italiana, Giorgio Almirante e mi sento onorata di essere una tra le prime a darvi questa bella notizia. Finalmente nel comune di Ladispoli il 16 marzo 2019 il Sindaco Alessandro Grando taglierà il nastro di inaugurazione di PIAZZA GIORGIO ALMIRANTE. Tuttavia, come spesso accade quando non si intitola almiranteuna piazza o una via ai soliti nomi noti del comunismo italiano, ecco che L’ANPI l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani arriva a ricordarci che purtroppo, in Italia, subiamo ancora oggi la piaga dell’odio antifascista. Ed eccoli arrivare gli smodati Don Quishotte claudicanti dell’ANPI, i partigiani “dentierati con la golia perennemente incollata al palato” e il viagra in saccoccia; gli eroici rappresentanti di una rinnovata resistenza nella lotta agli immaginari mulini a vento di un fascismo 2.0 che starebbe minacciando la democrazia nel nostro paese. Anche in questa lieta occasione  si uniscono, si aggregano nella loro irriducibile ipocrisia e danno luogo alla solita ed insensata protesta.  Ed è proprio l’ANPI di Roma che unitamente alla sezione ANPI di Ladispoli-Cerveteri lanciano un appello alle istituzioni affinché non sia permessa tale scellerata inaugurazione programmata tra l’altro nello stesso giorno dell’anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine”. Ed è vero perché l’inaugurazione era stata programmata per il giorno 24 marzo, ma viste le polemiche il Sindaco Alessandro Grando ha anticipato l’evento al giorno 16, ma per gli antifascisti non basta ed aggiungono:

“L’associazione dei partigiani “chiede che l’esaltazione di idee e azioni di stampo nazifascista siano perseguite a norma delle leggi Scelba e Mancino” e “chiama la cittadinanza alla mobilitazione perché il fascismo, il nazismo, il razzismo non trovino più albergo e legittimazione nella vita della Repubblica, nata con la Resistenza e la Guerra di Liberazione, come sancito dalla Costituzione scritta col sangue dei Martiri”.

Ed è qui che personalmente rimango basita perché si evidenzia anche l’ignoranza sulla conoscenza dell’evoluzione della giustizia e delle ultime sentenze da parte di questi almirante1esaltati antifascisti. Evidentemente non sono a conoscenza o intenzionalmente ignorano le ultime sentenze della Corte di Cassazione la quale avrebbe chiarito una volta per tutte che non è reato essere o sentirsi fascisti, non è reato manifestare il proprio pensiero fascista e nemmeno avere idee che richiamano l’ideologia fascista. La stessa Cassazione avrebbe inoltre precisato e sottolineato che a stabilirlo è la stessa  Costituzione repubblicana che tutela col suo Art.21 la libertà di pensiero e di espressione. In più di una sentenza della Cassazione i giudici si sono espressi allineandosi tra loro tanto da rendere ormai definito un orientamento consolidato. Tuttavia è anche vero che unitamente alla libertà di fascismo si fornisce anche un importante chiarimento sulla legge Scelba:

“La Legge Scelba del 1952 non colpisce tutte le manifestazioni usuali del disciolto partito fascista, ma solo quelle che possono determinare il pericolo di ricostituzione di organizzazioni fasciste in relazione al momento e all’ambiente in cui sono compiute”.

E non v’è dubbio alcuno che dedicare una piazza per commemorare un grande uomo politico come Giorgio Almirante, possa rappresentare un pericolo di ricostituzione dell’organizzazione fascista. Chi crede questo, chi pensa questo, può solo avere seri problemi psichiatrici. Ecco perché forse, oltre alle case chiuse, sarebbe opportuno riaprire anche i manicomi.

Personalmente rimango entusiasta per l’iniziativa del Sindaco Alessandro Grando e della sua giunta di centro destra, ricordando che anche a Verona, con estremo coraggio si sta percorrendo la medesima strada. L’amministrazione del sindaco Federico Sboarina infatti avrebbe votato una mozione per intitolare una strada della città a Giorgio Almirante, storico segretario e fondatore del Movimento Sociale Italiano. Il primo firmatario è Ciro Maschio, deputato di Fratelli d’Italia e presidente del consiglio comunale.

Purtroppo però devo comunicarvi che anche li non sono mancate le polemiche da parte 18-XXX-Almirante-1-255x300dell’ANPI, ma soprattutto da parte del Presidente della Comunità ebraica di Verona Celu Laufer e la presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni i quali, in un messaggio al sindaco Sboarina avrebbe dichiarato:

“Apprendiamo con grave rammarico la notizia di una mozione per intitolare a Verona una via o una piazza a Giorgio Almirante. Abbiamo appena celebrato gli 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali ribadendo con forza la necessità di radicare in ogni aspetto del nostro agire questa memoria così dolorosa del nostro Paese e del fascismo, assumendosi tutti le responsabilità per quanto avvenuto e adoperandosi affinché giustizia sia fatta, quantomeno sul piano conoscitivo. L’intitolazione di una strada in una città è un atto commemorativo che troveremo dinanzi a noi ogni giorno e dovrebbe ispirarsi all’esatto contrario, affermare il contributo di chi ha combattuto e affermato i valori delle libertà oggi sancite nella Costituzione”.

Indro Montanelli quando Gorgio Almirante mancò, di lui disse quello che vedete nell’immgine: “Se n’è andato l’unico italiano al quale si poteva stringere la mano senza paura di sporcarsi”. 

Sarebbe interessante invece capire quanto sono pulite le mani di chi, oggi, vorrebbe negare la sua memoria intitolando ad un grande uomo, un grande italiano, una Piazza o una Via delle nostre città.

#IoSonoItalia🇮🇹

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...